Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino-Venezia

LUIGI SARTORI: UNA TEOLOGIA PER L’ECUMENISMO

 Dieci anni fa tornava al Padre mons. Luigi Sartori, teologo, docente dell’ISE e punto di riferimento dell’intera teologia ecumenica italiana. Il momento di studio a lui dedicato intende ritrovare una riflessione forte, fondamentale per lo stesso sorgere dell’Istituto, così come per la ricerca dell’ATI (di cui è stato per lunghi anni presidente) e per il SAE (che lo ha avuto come prezioso consulente teologico).

 In un momento di passaggio e di rinnovato dinamismo ecumenico, far memoria di Sartori invita a riprendere l’attenzione per le aperture ecumeniche del Concilio Vaticano II, nella loro forza propositiva e nel loro potenziale dialogico ancora in parte inespresso. Invita a scoprire la densità di un pensiero attento a declinare la carità come sguardo sul mondo e sulla storia, capace di scoprire l’azione dello Spirito operante nel segreto. Invita, soprattutto, a proseguirne la ricerca, con lo stesso coraggio e la stessa lucidità che lo contraddistinguevano.

 

Programma

14.30         Saluto e introduzione ai lavori

                prof. Stefano Cavalli, ofmPreside Istituto Studi Ecumenici, Venezia

 relazione

  14.40        Un pensare ecumenico

                 prof. Simone MorandiniIstituto Studi Ecumenici, Venezia

 interventi

                Nel cammino dell’ISE

              prof. Tecle Vetrali ofmprofessore emerito Istituto Studi Ecumenici, Verona

            Sartori, interlocutore di dialogo

          prof. Traian Valdman, Chiesa Ortodossa Rumena, Milano

ore  16.30 pausa  

ore  16.45 dibattito e conclusioni

Biblioteca San Francesco della Vigna

Biblioteca San Francesco della Vigna

Le biblioteca del convento, le cui origini risalgono al XIII secolo, dopo varie vicissitudini storiche è ora biblioteca provinciale e di supporto all'Istituto di Studi Ecumenici. L'attuale patrimonio librario della biblioteca consiste di un fondo antico composto di circa 30.000 volumi e di un fondo moderno di circa 80.000 opere. A tale patrimonio librario va aggiunta la sezione delle riviste che conta 665 testate (363 correnti e 302 cessate).