Teologia pubblica: tra storia e attualità

Con questo titolo si è svolto il seminario di ricerca tra l’Istituto di Studi Ecumenici “S. Bernardino” di Venezia e l’Istituto Teologico Ecumenico “S. Nicola” di Bari, presso il convento di S. Francesco della Vigna che nei giorni 27-29 aprile 2021, nell’ambito del progetto di collaborazione tra i due Istituti iniziato circa un anno fa, sul tema della Teologia pubblica ecumenica. Hanno partecipato 22 persone, tra studenti e professori.

Il variegato programma si è sviluppato su livelli diversi. Ci sono stati incontri sul territorio che hanno permesso la conoscenza di realtà ed esperienze pubbliche in atto in cui i valori della religione e della fede impattano sulla realtà sociale: la testimonianza di don Nandino Capovilla sulla “Venezia musulmana”, la presenza ebraica a Venezia nella storia e nel presente, con la conseguente visita al “Ghetto ebraico”.

Una parte consistente del tempo è stata assegnata anche agli studenti dell’ISE che hanno presentato il frutto delle loro ricerche condotte durante l’anno: gli interventi sono stati organizzati attorno a due ambiti tematici:

  • alcuni autori della teologia recente che hanno dato il loro contributo al dibattito pubblico della teologia: J.-B. Metz con il rinnovamento della teologia politica analizzata in rapporto alla teologia pubblica ecumenica; P. C. Bori e l’analisi del suo testo “Per un consenso etico tra culture” e il teologo camerunense J.-M. Ela, con la proposta della sua “teologia sotto l’albero” quale forma inculturata di una possibile teologia pubblica;
  • gli ultimi documenti del magistero di papa Francesco, come le encicliche Fratelli tutti e Laudato si’, presentate nella loro capacità di aprire un dibattito pubblico. Il principio del bene comune, il tema della memoria e del perdono, il fenomeno della globalizzazione all’interno di questi testi magisteriali, hanno caratterizzato gli approfondimenti degli studenti del secondo giorno.

Particolarmente interessante la Tavola rotonda che si è sviluppata attorno a queste tre relazioni:

  1. “Protestantesimo e teologia pubblica tra XVI e XVII secolo” del prof. M. Cassese, docente emerito del “San Bernardino” di Venezia, che ha messo in evidenza il valore pratico della teologia in Lutero e nel protestantesimo successivo, con particolare attenzione alla forza rinnovatrice del movimento pietista che ha proposto un cristianesimo pratico da vivere nella società e nella realtà concreta;
  2. “Teologie politiche tra USA ed Europa” del prof. Paolo Naso, docente dell’Università La Sapienza di Roma, che ha offerto una lucida presentazione del modello Statunitense della teologia pubblica, sottolineando il “paradosso americano” della massima separazione tra chiesa e stato, e la massima presenza della religione nello spazio pubblico;
  3. “Teo-logia nello spazio pubblico” della prof.ssa Gaia De Vecchi, docente presso L’Università S. Cuore di Milano e la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale (sezione di Torino), con un deciso approfondimento teologico del tema, mostrando come la teologia sia anzitutto in se stessa “dialogo” tra Dio e l’uomo, prima ancora di porsi in dialogo con il mondo, ponendo così le basi teologiche del suo impegno pubblico.
 

Orari Segreteria

Lunedì Chiusa  
Martedì Chiusa  
Mercoledì 9.00 - 12.00 15.00 - 17.30
Giovedì 9.00 - 12.00 15.00 - 17.30
Venerdì 9.00 - 12.00  Chiusa

Per informazioni scrivere alla mail: segreteria@isevenezia.it

 

Biblioteca San Francesco della Vigna

Biblioteca San Francesco della Vigna

Le biblioteca del convento, le cui origini risalgono al XIII secolo, dopo varie vicissitudini storiche è ora biblioteca provinciale e di supporto all'Istituto di Studi Ecumenici. L'attuale patrimonio librario della biblioteca consiste di un fondo antico composto di circa 30.000 volumi e di un fondo moderno di circa 80.000 opere. A tale patrimonio librario va aggiunta la sezione delle riviste che conta 665 testate (363 correnti e 302 cessate).